FB IMG
FB IMG
Attualità

La storia di A. e del suo essere bambino discriminato

A soli sette anni costretto a chiedere affetto dai suoi coetanei

Il piccolo A. ha soli sette anni. Sguardo che ti rimane impresso, occhi tristi che ti chiedono, o quantomeno te lo fanno capire, affetto. Una parola magica soltanto sulla carta. A. ha frequentato la seconda elementare alla scuola De Amicis. Ha frequentato. Ora la classe, con i suoi amichetti non c'è più. La dirigente Margherita Biscotti ha dovuto concedere nulla osta e trasferimenti (prima temporanei ora definitivi) ai genitori preoccupati di episodi violenti (cosi' hanno raccontato) a cui i loro figli avrebbero dovuto assistere. Episodi che sarebbero stati segnalati alla dirigente e poi alle istituzioni (compresa l'Asl) e che avrebbero messo in moto tutta un'equipe che adesso segue il bambino a casa e a scuola. Seguono. Non braccano. A. ha un problema: sente la mancanza di suo padre oggi in carcere. Spera di poterlo riabbracciare presto. Ma non sa che adesso il suo sogno non puo avverarsi. Allora chiede affetto ai suoi coetanei. Chi sono? I compagni di classe. Quale classe? Adesso ne ha un'altra. Ha conosciuto gli amichetti ieri. Avrebbe dovuto conoscerli già qualche giorno fa ma i genitori, non tutti, hanno deciso di tenere a casa i propri figli. Si sarebbero opposti a quella che hanno definito una scelta calata dall'alto. In molti dicono che quel bambino sarebbe violento e che avrebbe bisogno di strutture adeguate. A invece ha solo bisogno di essere accettato. A. ha tutto il diritto di essere un bambino. Nell'ultimo anno lui e sua madre sarebbero stati additati. C'è chi si sarebbe permesso, un anno fa, di andare dai Carabinieri con i propri figli per denunciare. Al momento ci sarebbe soltanto una segnalazione tanto che ad occuparsi del bambino sarebbero i Servizi Sociali a.cui è stata affidata la potestà genitoriale.
Sui social si è aperto il dibattito. Un'agora dove chiunque scrive quello che si potrebbe fare o non fare per A. Un gruppo di genitori avrebbe incontrato anche il primo cittadino Nicola Magrone per chiedere un intervento. Quale? Noi abbiamo chiesto invece una dichiarazione all'avvocato Graziana Trentadue che segue il caso. "Quella di cui mi occupo è una storia triste. A. è un bambino a cui è stato negato il diritto allo studio e all'inclusione.
Da un lato ci sono le istituzioni, con i loro tempi e i loro limiti, dall'altro c'è una parte della società che afferma che la "normalità " non deve essere insidiata dalla "diversità " di A.
Il mio impegno ha lo scopo di garantire il rispetto dei diritti di una famiglia che sta attraversando un periodo difficile e di dimostrare che l'inclusione può e deve essere una risorsa x tutti e non un "problema" delle istituzioni. Viviamo l'era delle distanze, che diventano sempre più marcate: tra zone geografiche, tra ricchi e poveri, tra etnie, tra generi, tra esseri umani. Per fortuna ci sono i diritti, quelli inalienabili, e tra questi ci sono il diritto allo studio ed il diritto all'inclusione.
Perché sia garantito il diritto all'affermazione di ogni essere umano, e al di sopra di tutto, "di ogni bambino"..Il mio impegno ha l'unico scopo di garantire uguali opportunità anche ad A., che è semplicemente "speciale" rispetto ai normali. Con la forza del diritto".
  • scuola
  • violenza
Altri contenuti a tema
Esame di maturità, siamo alla "notte prima degli esami" Esame di maturità, siamo alla "notte prima degli esami" Una serata indimenticabile per tutti prima della prova che attende gli studenti domani mattina
Maturità al via a Modugno, pronta la campagna contro le fake news Maturità al via a Modugno, pronta la campagna contro le fake news Domani si terrà la prima prova, la polizia postale in collaborazione con Skuola.net in soccorso degli studenti
Miglioramento antincendio, arrivano 188 mila euro per le scuole di Modugno Miglioramento antincendio, arrivano 188 mila euro per le scuole di Modugno Il finanziamento previsto dal Governo necessario ad adeguare gli edifici alla normativa vigente
La morte del piccolo Paolo tra lacrime e gesti di solidarietà La morte del piccolo Paolo tra lacrime e gesti di solidarietà La lettera della dirigente Margherita Biscotti
Scuola, i ragazzi scelgono la 'Casavola': boom di iscrizioni Scuola, i ragazzi scelgono la 'Casavola': boom di iscrizioni La dirigente Margherita Biscotti' 'offerta formativa vincente'
Scuola, l'assessore Formicola: 'alla Vito Faenza nessun lavoro bloccato' Scuola, l'assessore Formicola: 'alla Vito Faenza nessun lavoro bloccato' La settimana scorsa sono stati depositati i calcoli statici al genio civile
Scuola, l'elementare Faenza rischia di rimanere in via Bitritto Scuola, l'elementare Faenza rischia di rimanere in via Bitritto I lavori fermi. I genitori chiedono di incontrare gli assessori
Scuola, alla resa dei conti per la scelta: moda o cuore? Scuola, alla resa dei conti per la scelta: moda o cuore? Fino al 31 gennaio famiglie alle prese con le iscrizioni
© 2001-2019 ModugnoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
ModugnoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.