apertura
apertura
Attualità

Inceneritore, i pentastellati intervengono dopo il sequestro a Gioia

Dito puntato per le autorizzazioni alla Newo

Torna prepotentemente alla ribalta il problema inceneritore a Bari. L'impianto che dovrebbe sorgere nella zona industriale, da sempre al centro di proteste e polemiche, dopo il sequestro di ieri a Gioa del Colle, torna a faf parlare di sé.
«Ritirare in autotutela l'autorizzazione all'inceneritore di Modugno - dichiarano i deputati M5S Giovanni Vianello della Commissione d'inchiesta Ecomafie e Francesca Anna Ruggiero - È un appello che rivolgiamo nuovamente al Presidente pugliese Michele Emiliano, a maggior ragione dopo il sequestro preventivo dell'impianto Isotherm Pwr di Gioia del Colle. La tecnologia di ossido-combustione, in sperimentazione nel sito pilota e recentemente sequestrato di Gioia del Colle, è la stessa che vorrebbe utilizzare, per coincenerire e trattare il rifiuto, l'inceneritore di Modugno. Crediamo che il sequestro su Gioia sia un segnale inquietante, da cogliere al volo per prevenire, anche su Modugno, eventuali conseguenze negative a scapito dell'ambiente e della salute dei cittadini».

«Lungi da noi anticipare conclusioni o emanare sommari giudizi - scrive in una nota Corsina Depalo, presidente del Comitato No Inceneritore - ma che qualche cosa non andasse nel verso giusto in quella sperimentazione di ossicombustione l'avevano già scritto ARPA e ASL in documenti ufficiali, documenti che noi abbiamo anche citato nel nostro ricorso al Capo dello Stato contro l'Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata dalla Regione alla NEWO. Infatti la base tecnologica su cui si fonda la richiesta di insediamento dell'impianto NEWO a Bari è esclusivamente costituita dalla sperimentazione ITEA di Gioia del colle, propalata come affidabile, innocua e efficacissima a trattare rifiuti, producendo solo perle vetrose riutilizzabili come residuo. Nel7 nostro e negli altri ricorsi presentati avverso l'AIA regionale, questi elementi sono stati ampiamente contestati con oggettivi dati di fatto tecnici e giuridici».
«Ma ora il punto è anche un altro - sottolinea - la Regione Puglia, che evidentemente aveva dato per buona la prosopopea rassicurante ed efficientista di NEWO sull'ossicombustione sperimentata a Gioia, riportandola nelle motivazioni dell'AIA stessa, non ritiene, alla luce del sequestro, di annullare o quanto meno di sospendere gli effetti dell'autorizzazione, in attesa degli esiti dell'indagine? Se si dimostrasse, infatti, che le presunte performance dell'impianto ITEA esibite da NEWO fossero, oltre che dubbie, ottenute comunque a discapito del rispetto delle norme di tutela ambientali e di sicurezza della salute pubblica, come potrebbero gli uffici regionali giustificare la mancata adozione di una ovvia misura di cautela come il ritiro o la sospensione dell'AIA? Come lo potrebbe giustificare anche il Presidente Emiliano, che non ha mai smentito a parole la sua contrarietà all'impianto? E il Sindaco Decaro, anche lui dichiaratamente contrario all'insediamento, non dovrebbe, alla luce di questo nuovo elemento, tornare a bomba con una revisione del parere del Comune e una richiesta di annullamento dell'AIA alla Regione?».
  • inceneritore
  • sequestro
Altri contenuti a tema
Inceneritore NewO, non è finita. La società ha fatto ricorso Inceneritore NewO, non è finita. La società ha fatto ricorso Tre settimane fa una sentenza del Tar aveva dato ragione ai comitati e ai Comuni
L'inceneritore a Modugno non verrà costruito, il Tar ha accolto il ricorso L'inceneritore a Modugno non verrà costruito, il Tar ha accolto il ricorso Depositata la sentenza, ad opporsi i Comuni di Bari e Modugno e la Città Metropolitana, oltre ai comitati
Gel igienizzante irregolare e salviette scadute, sequestro e multa da 18mila euro a Modugno Gel igienizzante irregolare e salviette scadute, sequestro e multa da 18mila euro a Modugno I carabinieri del Nas hanno trovato i prodotti in un deposito di un negozio gestito da un cittadino di nazionalità cinese
Modugno, sequestro preventivo alla Recuperi Pugliesi Modugno, sequestro preventivo alla Recuperi Pugliesi L'azienda a fronte di un limite di 6mila tonnellate ne stoccava 26mila
Inceneritore Newo a Modugno, il Tar rinvia la decisione a novembre Inceneritore Newo a Modugno, il Tar rinvia la decisione a novembre Il Comitato dei cittadini No Inceneritore: «Questo rinvio ci lascia sgomenti»
Inceneritore NEWO a Modugno, ricorso al Tar in aula il 27 aprile Inceneritore NEWO a Modugno, ricorso al Tar in aula il 27 aprile L'obiettivo del Comitato l'annullamento delle autorizzazioni ambientali rilasciate dalla Regione Puglia
La Guardia Costiera sequestra mille chili di pesce, 240 in dono a Modugno La Guardia Costiera sequestra mille chili di pesce, 240 in dono a Modugno La merce, ritenuta idonea alla consumazione, è stata consegnata alla parrocchia S. Pietro Apostolo
Modugno, trasportavano 800 kg di pesce non tracciabile. Scatta il sequestro Modugno, trasportavano 800 kg di pesce non tracciabile. Scatta il sequestro L'operazione congiunta di polizia e guardia costiera ha permesso poi la donazione del pescato alla associazione In.Con.Tra.
© 2001-2022 ModugnoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
ModugnoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.