puzza
puzza
Territorio e Ambiente

La puzza che non fa dormire il San Paolo viene da un'azienda di Modugno

In seguito ad un sopralluogo identificata la fonte del disagio, probabile sia la stessa di cui si lamentano i modugnesi

Continua a tenere banco il problema dell'aria irrespirabile e la puzza al quartiere San Paolo di Bari. Nella giornata di ieri ad intervenire è stato l'assessore all'Ambiente con delega alla Qualità della Vita, Pietro Petruzzelli.

«Questa mattina (ieri, ndr) siamo stati nella zona industriale per individuare la fonte dei cattivi odori che avvertono i cittadini del quartiere San Paolo, soprattutto in questo periodo - spiega l'assessore - In un punto particolare, a ridosso di un'azienda all'interno del comune di Modugno, la puzza era insopportabile e abbiamo segnalato subito la situazione alla polizia metropolitana. In più, sempre in mattinata, abbiamo scritto agli organi competenti affinché intervengano per risolvere il problema, cosa che avevamo già fatto alcuni mesi fa. Come abbiamo sempre detto, eravamo sicuri che le emissioni non provenissero dal nostro territorio comunale, perché la polizia municipale, sulla base delle vostre segnalazioni, aveva pattugliato l'intero territorio barese non individuando la provenienza della puzza nauseabonda».

Lo stesso staff del sindaco, Antonio Decaro, aveva sottolineato che in merito l'amministrazione comunale ha provveduto a sollecitare scrivendo una nota ad Arpa, al Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri e al Comune di Modugno, riprendendo una nota già inviata alcuni mesi fa, affinché prendano dovuti provvedimenti al più presto.
  • san paolo
Altri contenuti a tema
Ancora chiuso il nuovo reparto di Ginecologia al San Paolo Ancora chiuso il nuovo reparto di Ginecologia al San Paolo La denuncia del consigliere Fi Damascelli
© 2001-2019 ModugnoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
ModugnoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.