Smaltimento rifiuti
Smaltimento rifiuti
Cronaca

Smaltivano rifiuti stradali in fondi agricoli: 2 arresti, 50 denunce e il sequestro di un impianto a Modugno

L’attività di traffico illecito di rifiuti speciali avrebbe interessato le province di Foggia, Bat, Bari e Brindisi

Un impianto di trattamento dei rifiuti di Modugno è stato sequestrato dai carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Bari nell'ambito dell'indagine denominata "Blacktop". Si tratta dell'impianto della società PAVING TECHNOLOGY s.r.l., oltre a questo è stato sequestrato anche un impianto di Lucera in provincia di Foggia della società VALBIT s.r.l. Inoltre, due imprenditori sono stati arrestati e posti ai domiciliati, mentre per un altro soggetto è scattato l'obbligo di dimora. In totale ci sono 50 indagati.

L'attività investigativa ha avuto inizio a settembre 2019 con il sequestro di due aree agricole a Cerignola (FG) e ha permesso di acquisire gravi indizi sullo svolgimento di un'attività di traffico illecito di rifiuti speciali che ha interessato le province di Foggia, Bat, Bari e Brindisi. Secondo l'impostazione accusatoria, le indagini espletate, anche attraverso intercettazioni, avrebbero evidenziato una continuativa attività di traffico di rifiuti, costituiti da circa 120 mila tonnellate di "fresato d'asfalto", proveniente dai cantieri per il rifacimento del fondo stradale di circa 450 km di Strade Statali in Puglia, gestite dall'ANAS spa, che sarebbero stati, secondo l'impostazione accusatoria, smaltiti illecitamente in località ignote o su fondi agricoli di proprietari compiacenti, senza aver ricevuto alcun trattamento che potesse consentire il riutilizzo dello specifico rifiuto, quale "conglomerato bituminoso" utile per asfaltare o, in alternativa, una volta "inertizzato", quale materiale da riempimento, utile in campo edilizio o per attività di ripristino ambientale.

Fatte salve le ulteriori valutazioni nelle fasi successive, con il contributo della difesa, il compendio indiziario avrebbe accertato per gli indagati un risparmio sui costi, mai sostenuti, per il trattamento e il successivo smaltimento dei rifiuti, quantificabile in circa 1.200.000 euro. In effetti, secondo l'impostazione accusatoria, che andrà verificata nel contraddittorio delle parti, il fresato veniva, di fatto, caricato presso i cantieri stradali su automezzi in uso alla società assegnataria dell'appalto ANAS e smaltito illecitamente. Da quanto emerge indiziariamente, i documenti di trasporto sarebbero stati sistematicamente falsificati, consentendo una trasformazione cartolare del rifiuto "fresato d'asfalto", che avrebbe dovuto prendere la via della discarica, in "materiale inerte secondario".
  • rifiuti
Altri contenuti a tema
Brucia cartoni, pedane in legno e materiale plastico, denunciata Brucia cartoni, pedane in legno e materiale plastico, denunciata La donna, cinese, è titolare di una attività commerciale
Rifiuti gettati nelle campagne, l'allarme di Coldiretti Rifiuti gettati nelle campagne, l'allarme di Coldiretti Puglia al terzo posto per reati ambientali, pari all'11% delle infrazioni accertate sul totale nazionale
Venerdì riapre anche al mattino il centro conunale di raccolta, ecco gli orari Venerdì riapre anche al mattino il centro conunale di raccolta, ecco gli orari Taglio del nastro di rito alla presenza del sindaco di Modugno Nicola Bonasia
"Cicca Challenge" a Modugno, grande successo per il primo appuntamento "Cicca Challenge" a Modugno, grande successo per il primo appuntamento Il sindaco: "I grandi risultati si ottengono dalla somma di tante piccole azioni"
Centro comunale di raccolta, inaugurazione l'1 luglio Centro comunale di raccolta, inaugurazione l'1 luglio Ecco gli orari di conferimento
Rifiuti e deiezioni canine per le strade di Modugno, "sporcaccioni" incastrati dalle telecamere Rifiuti e deiezioni canine per le strade di Modugno, "sporcaccioni" incastrati dalle telecamere Bonasia: «In attesa dei nuovi dispositivi, ruoteremo quelli mobili per coprire ancora più zone della città»
Rifiuti nelle campagne a Modugno: "Stupro continuo che sembra non conoscere sosta" Rifiuti nelle campagne a Modugno: "Stupro continuo che sembra non conoscere sosta" Domenica di pulizia per il Gruppo di Lavoro per la prevenzione dei Fenomeni a danno dell’Ambiente e della Salute Pubblica di Gens Nova
Produrre biometano da rifiuti organici, la nuova vita di Tersan a Modugno Produrre biometano da rifiuti organici, la nuova vita di Tersan a Modugno Si tratta del primo impianto del genere in Puglia, ieri l'inaugurazione alla presenza delle autorità del territorio
© 2001-2022 ModugnoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
ModugnoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.