IMG WA
IMG WA
Vita di città

Pon, le mamme del quartiere Cecilia: 'I nostri figli sono discriminati'

'Solo una possibilità rispetto alle 5 della scuola media Casavola'

Scuola Gandhi e l'iniquità dei Pon? Si fa presto a dire che l'istruzione è un diritto, ma ci si crede un po' meno quando i fatti attestano che alcuni istituti offrono più diritti di altri. Sono stati pubblicati i Pon, progetti scolastici finanziati con fondi europei, relativi alla scuola media Casavola, Francesco D'Assisi e Gandhi, sede distaccata della Casavola al quartiere Cecilia. Balza subito all'occhio il numero dei progetti dedicati alla sede centrale, confrontati con quelli delle sedi periferiche. 7 progetti per la Casavola, distribuiti tra lingue straniere, matematica, scienze e sport, 2 alla Francesco D'Assisi, benessere, sport e educazione ambientale, 1 solo progetto per la scuola Ghandhi, nell'ambito educazione alimentare, cibo e territorio. Come se non bastasse l'esiguità del numero, il Pon ammette la partecipazione di 25 bambini, mentre ne avrebbero già fatto richiesta ben 50. Questo significa che ben 25 bambini, desiderosi di rientrare in un progetto scolastico, rimarranno a casa senza poter accedere ad altro. "Troviamo questa situazione ridicola - commenta una mamma indignata che si fa portavoce di altri genitori che hanno figli alla Gandhi - Non ci hanno assegnato neanche un progetto sportivo, se i nostri ragazzi volessero partecipare ad un progetto diverso, fermo restando la disponibilità del numero, dovrebbero prendere l'autobus". Verrebbe da chiedersi che difficoltà ci sia nel prendere il mezzo per spostarsi, basta un po' di sacrificio e buona volontà e il problema sarebbe facilmente risolto. Bisogna, però, fare i conti anche con gli orari. "I ragazzi escono da scuola alle 14 - spiega la mamma - le attività iniziano generalmente alle 14.30 per terminare alle 15.30, quindi sarebbe impossibile per loro raggiungere la Casavola o la D'Assisi in tempo, arriverebbero ad attività già iniziata. In più abbiamo difficoltà con gli stessi mezzi perché gli autobus passano ogni ora e, se per qualche ragione dovessero perderlo, non avrebbero altro modo per spostarsi". La difficoltà è evidente, come anche la disparità di trattamento. Ma i residenti di Cecilia non vogliono piangersi addosso. Hanno deciso di riunirsi per discutere di questi e tanti altri problemi del quartiere che, da tempo, non può più essere considerato zona degradata o periferica. Il 7 novembre alle 20.05, ci sarà un incontro, alla farmacia Stanzione, per fare un'analisi, proposte e strategie per arginare il problema della diminuzione delle iscrizioni alla scuola media del Cecilia e confrontarsi su altri problemi del quartiere.
  • scuola
  • quartiere Cecilia
Altri contenuti a tema
Miglioramento antincendio, arrivano 188 mila euro per le scuole di Modugno Miglioramento antincendio, arrivano 188 mila euro per le scuole di Modugno Il finanziamento previsto dal Governo necessario ad adeguare gli edifici alla normativa vigente
La morte del piccolo Paolo tra lacrime e gesti di solidarietà La morte del piccolo Paolo tra lacrime e gesti di solidarietà La lettera della dirigente Margherita Biscotti
Scuola, i ragazzi scelgono la 'Casavola': boom di iscrizioni Scuola, i ragazzi scelgono la 'Casavola': boom di iscrizioni La dirigente Margherita Biscotti' 'offerta formativa vincente'
Scuola, l'assessore Formicola: 'alla Vito Faenza nessun lavoro bloccato' Scuola, l'assessore Formicola: 'alla Vito Faenza nessun lavoro bloccato' La settimana scorsa sono stati depositati i calcoli statici al genio civile
Scuola, l'elementare Faenza rischia di rimanere in via Bitritto Scuola, l'elementare Faenza rischia di rimanere in via Bitritto I lavori fermi. I genitori chiedono di incontrare gli assessori
Scuola, alla resa dei conti per la scelta: moda o cuore? Scuola, alla resa dei conti per la scelta: moda o cuore? Fino al 31 gennaio famiglie alle prese con le iscrizioni
Orientamento a scuola. Il lavoro si può inventare Orientamento a scuola. Il lavoro si può inventare I ragazzi del Cecilia incontrano il Freestyler Nicola Barnabà
Quando un gruppo Facebook è solidale con la comunità Quando un gruppo Facebook è solidale con la comunità 'Il quartiere Cecilia riparte da qui' ha avuto una carrozzina, delle stampelle e una bilancia pesa bambini
© 2001-2019 ModugnoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
ModugnoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.