FB IMG
FB IMG
Vita di città

Newo, la protesta degli ambientalisti davanti sito

'Ribadiamo il non ci stiamo'

No all'inceneritore Newo nella zona industriale di Bari. Questo il messaggio che continuano a lanciare i cittadini, le associazioni e il comitato che lottano affinché il nostro territorio sia sano e non debba essere terreno su cui fa sorgere siti inquinanti, dannosi per tutti. E per questo motivo continua la lotta nonostante le decisioni che sembrano già prese, e le prese di posizione politiche in merito. Per continuare a tenere alta l'attenzione del'opinione pubblica su un tema importante questa mattina è stato organizzato un sit-in davanti ai cancelli del sito in cui la Newo dovrebbe costruire l'impianto di ossido-combustione. Ad organizzarlo il Comitato No Inceneritore, costituitosi proprio per lottare contro quella che ritengono una "minaccia" per il territorio.
«Questa è l'area nella quale la Newo S.p.a. intende realizzare il più grande inceneritore d'Europa - scrivono nel volantino presentato questa mattina - con le autorizzazioni rilasciate improvvidamente dalla Regione Puglia con i pareri favorevoli del Comune di Bari. Questo luogo è il capolinea simbolico di partenza per far conoscere ai cittadini un'area apparentemente inutilizzata, ma già interessata da rischi e interventi urbanistici poco trasparenti, messi in luce dall'attivismo di altri comitati portatori di altrettante problematiche sociali e ambientali».
Una manifestazione sentita a cui molte associazioni hanno aderito sia baresi che del territorio di Modugno, confinante con la zona in questione, al punto che lo stesso sindaco Magrone si è più volte interessato alla vicenda pur non essendo reale parte in causa, almeno dal punto di vista delle autorizzazioni.
Nel volantino, è stata anche presentata una lettera che il Comitato ha indirizzato a tutti i partiti, le forze politiche e i movimenti presenti sul territorio, per chiedere loro di mettersi in gioco, di dire la loro, e di lottare se necessario per impedire la costruzione dell'impianto, partendo da una: «richiesta di immediato ritiro in autotutela dell'autorizzazione AIA e dei pareri favorevoli rilasciati all'impianto Newo"
  • modugno
  • newo
  • inceneritori
  • ambientalisti
Altri contenuti a tema
Palazzo Santa Croce, il look che piace Palazzo Santa Croce, il look che piace Dopo il restauro la presentazione sabato
Ex Om, la vertenza al Ministero. I 5S: 'Segnale importante' Ex Om, la vertenza al Ministero. I 5S: 'Segnale importante' Attorno ad un tavolo Regione, Città Metropolitana e sindacati
Puglia Popolare : nasce il coordinamento cittadino Puglia Popolare : nasce il coordinamento cittadino A farne parte Patrizio De Sio, Fabrizio Colavecchio Stefano Romita, Daniela Delli Santi e il consigliere di minoranza Simona Vitucci.
Lo show della Fiera del Crocifisso nel centro storico Lo show della Fiera del Crocifisso nel centro storico Intervista all'assessore alla Cultura Francesca Di Ciaula
Commercio e artigianato: che ne sarà? Commercio e artigianato: che ne sarà? Un incontro con Rinascita modugnese
Al mercato coperto grandi pulizie. Resta però il problema dell'igiene Al mercato coperto grandi pulizie. Resta però il problema dell'igiene Sistemazione delle guaine, tombini e rete speciale anticolombi
4 Novembre, celebrazioni anche da noi 4 Novembre, celebrazioni anche da noi Corteo e deposizione di una corona per non dimenticare
Signorile&Signorile: quando la musica è nel sangue Signorile&Signorile: quando la musica è nel sangue Debutto di Roberta figlia del maestro Fabrizio
© 2001-2018 ModugnoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
ModugnoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.