Maria Chironna
Maria Chironna
Attualità

Coronavirus, Chironna: «È il momento di convivere col virus, ma una pandemia non finisce in due anni»

Intervista alla responsabile del laboratorio Covid del Policlinico e docente di igiene dell'Università di Bari

Negli ultimi giorni in Puglia si sta assistendo ad un nuovo aumento dei contagi da Coronavirus, anche se sembra che i ricoveri stiano rimanendo relativamente stabili. Il prossimo 31 marzo termina sul territorio nazionale lo stato di emergenza legato alla pandemia, e da più parti si parla di una fine, anche se graduale, delle restrizioni. Abbiamo fatto il punto della situazione con la dottoressa Maria Chironna, docente di igiene dell'Università di Bari e responsabile del laboratorio Covid del Policlinico.

Dottoressa Chironna, negli ultimi giorni in Puglia c'è stato un nuovo aumento dei contagi, o almeno un aumento del numero dei positivi. Come lo spiega?

Sembra esserci una inversione di tendenza nell'andamento dei contagi, anche in Italia, ma è presto per trarre conclusioni e i dati non devono generare allarmi. Oltre a fluttuazioni fisiologiche nei tassi di notifica, questo aumento potrebbe anche essere in parte spiegato con una maggiore circolazione di Omicron 2. Nei prossimi giorni avremo dati più chiari derivanti dalla flash survey commissionata dal Ministero della Salute-ISS sulla stima della prevalenza di questa ulteriore sottovariante.

Abbiamo imparato in questi due anni a parlare di varianti, qual è quella prevalente sul territorio ora? E che rischi comporta anche per i vaccinati o per chi ha già avuto il Covid?

Ormai già da settimane Omicron è la variante predominante se non esclusiva, in particolare Omicron 1. Da qualche settimana si sta osservando un aumento di casi da Omicron 2, quest'ultima sottovariante ancor più contagiosa ed immunoevasiva rispetto alla Omicron 1. Da stime preliminari potrebbe già rendere conto di almeno il 30%, se non più, dei nuovi casi. Questa variante può dare infezione anche nei vaccinati o reinfezioni in chi ha già avuto Covid19, anche da Omicron1. Ma questo non deve spaventare, perché i vaccinati, i dati dicono, sono protetti almeno al 90% dalle forme severe e dall'ospedalizzazione. E questo è importante.

Pochi giorni fa anche in Puglia è arrivato il vaccino Novavax, che si pensava potesse aiutare gli indecisi a vaccinarsi, ma sembra essere stato un flop. Cosa ne pensa?

Non credo sia il tipo di vaccino a fare la differenza nell'adesione alla campagna vaccinale. Tutti i vaccini disponibili sono efficaci. Serve spiegare agli indecisi che, anche se sotto controllo, la pandemia non è esaurita e val la pena vaccinarsi per essere protetti da forme gravi. L'indecisione va affrontata con una corretta comunicazione cercando di far comprendere i benefici a fronte di rischi praticamente inesistenti.

Ora è partita la campagna vaccinale per la quarta dose per i fragili, servirà anche a tutti gli altri per affrontare nuove eventuali varianti?

Non abbiamo certezze a riguardo. Cominciano ad esserci evidenze che una quarta dose possa far diminuire le infezioni e, quindi, ridurre nei vaccinati, la circolazione del virus. Serve aspettare per avere più dati dai paesi che la stanno già somministrando. Ad ora sappiamo che con il booster (richiamo) si evitano comunque le forme severe di malattia. E sappiamo che si sta lavorando anche ad un aggiornamento dei vaccini alla luce della emergenza delle varianti.

I cittadini sono stanchi di sentire parlare del virus, il 31 marzo termina lo stato di emergenza legato alla pandemia, tutti invocano un ritorno alla normalità, e anche lo stop alle mascherine al chiuso. È davvero arrivato il momento di smetterla con le precauzioni?

È arrivato il momento di una convivenza con il virus, questo è certo. Prima di abbandonare le misure di prevenzione generali dobbiamo avere il tempo di capire l'evoluzione. Una pandemia non finisce in due anni. Perciò ben venga la quasi normalità a patto di essere consapevoli che non possiamo dire di aver definitivamente sconfitto Sars-CoV-2.

Ogni pandemia è a sé ed è difficile, ovviamente, prevedere cosa accadrà. Ma, secondo lei, cosa dobbiamo aspettarci nei prossimi mesi?

È difficile fare previsioni. Probabilmente come accaduto in precedenza, la stagione estiva darà tregua e i casi si ridurranno drasticamente. Più incertezze ci sono sulla prossima stagione autunno-invernale. Potremmo avere un ripresa dei contagi ed ondate epidemiche di più lieve entità. Resta l'incognita varianti. Sars-CoV-2 ci ha già sorpreso più di una volta. Ma lo conosciamo meglio e abbiamo più armi a disposizione per fronteggiarlo.
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Addio allo stato di emergenza per Covid in Italia: cosa cambia da oggi Addio allo stato di emergenza per Covid in Italia: cosa cambia da oggi Niente più colori delle regioni e graduale superamento del Green pass
Covid in Puglia, scende il numero dei ricoverati Covid in Puglia, scende il numero dei ricoverati Sono 6.145 i nuovi casi registrati oggi su oltre 33mila test effettuati
Covid, l'Italia verso il decreto di aprile: che cosa cambierà Covid, l'Italia verso il decreto di aprile: che cosa cambierà Tutte le nuove regole decise dal Governo per uscire dall'emergenza
Coronavirus, 271 nuovi casi la scorsa settimana a Modugno Coronavirus, 271 nuovi casi la scorsa settimana a Modugno L'incidenza settimanale su 100mila abitanti è pari a 721,6. Curva in rialzo in tutto il territorio dell'Asl Bari
Positivi al Coronavirus ancora in calo a Modugno, sono 295 Positivi al Coronavirus ancora in calo a Modugno, sono 295 I dati del report di qualche giorno fa, l'hub vaccinale riconvertito con una campagna per gli adolescenti
Notevole diminuzione dei positivi a Modugno, sono 605 Notevole diminuzione dei positivi a Modugno, sono 605 Erano 1.050 nella precedente rilevazione, procede la campagna vaccinale anche nell'hub cittadino
Scendono i positivi a Modugno, siamo a quota 1.050 Scendono i positivi a Modugno, siamo a quota 1.050 Sono circa duemila i vaccinati nel nuovo hub cittadino, di cui l'80% sono terze dosi
L'allarme delle opposizioni: "Scuola rischia di andare in tilt" L'allarme delle opposizioni: "Scuola rischia di andare in tilt" La nota dei consiglieri comunali di minoranza
© 2001-2022 ModugnoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
ModugnoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.