Il servizio delle Iene
Il servizio delle Iene
Scuola e Lavoro

Controlli da Max China a Modugno, Cisal scrive all'ispettorato del lavoro

«Ciò che avveniva in quell'esercizio commerciale era da lungo tempo noto a tutti ed accadeva nel silenzio assordante delle istituzioni»

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Una lunga nota congiunta firmata da Antonio Cassano, segretario regionale Cisal Terziario, Patrizia del Giudice, presidente della commissione pari opportunità della Regione Puglia e Pietro Venneri, segretario confederale della Cisal Puglia, e indirizzata all'Ispettorato Territoriale del Lavoro di Bari, continua a puntare le luci dei riflettori sull'ingrosso Max China di Modugno, dove i carabinieri e non solo sono giunti per controlli dopo un servizio tv delle Iene.

«È fatto notorio dei giorni scorsi - si legge nella nota - che, solo grazie ad alcune inchieste giornalistiche televisive (tra cui un recente servizio in TV della nota trasmissione "le lene"), sono partiti i necessari accertamenti da parte di Codesto Ispettorato Territoriale del lavoro su un noto esercizio commerciale gestito da un cittadino di nazionalità cinese, con applicazione di severe e sacrosante sanzioni e contestuale avvio di un procedimento penale in danno dell'autore degli illeciti. Ferma restando la nostra scontata approvazione per l'intervento operato, non possiamo però non sottolineare che ciò che avveniva presso il suddetto esercizio commerciale era da lungo tempo noto a tutti ed accadeva nel silenzio assordante delle istituzioni e nella pigra inerzia del Vs. Ispettorato, che si è attivato solo e soltanto grazie alla coraggiosa iniziativa dei giornalisti. Ci auguriamo che l'accertamento compiuto presso la MAX CINA, con sede sulla S.S. 96, Zona Artigianale ASI Bari, sia solo il primo di una lunga serie di ispezioni presso gli esercizi commerciali gestiti da imprenditori di nazionalità cinese, ai quali sembra sia concesso di fatto un benestare alla violazione di regole e leggi nell'adempimento dei rapporti di lavoro, che viceversa agli altri non viene in alcun modo garantita. Infatti nella stragrande maggioranza dei casi costoro ai lavoratori dipendenti: - riconoscono di fatto retribuzioni misere e, comunque, non in linea con le previsioni contrattuali del CCNL di categoria; - negano la giusta retribuzione spettante sulla base delle effettive ore di lavoro svolto; - impongono turni di lavoro massacranti con ore di lavoro straordinario e notturno non retribuite e, comunque, superiori al limite massimo previsto dalla contrattazione collettiva e l'art. 5 comma 3 del D. Lgs. n. 66 del 2003; - non retribuiscono il lavoro festivo svolto; - omettono l'integrale versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali. Si tratta di esercizi commerciali, che, confidando anche sullo stato di bisogno di tanti disoccupati, conseguono notevoli profitti, lucrando sulla pelle dei dipendenti ed, in particolare, di lavoratrici, che, come purtroppo è ben noto, sono il più facile bersaglio di illecite violazioni sul piano lavoristico. Ciò che davvero sgomenta è che gli autori di tali condotte ritengano del tutto naturale e lecito il loro comportamento (lo stupore con il quale l'imprenditore cinese, coinvolto nell'inchiesta, ha reagito alle accuse è emblematico), lasciando presumere che lo sfruttamento del dipendente sia per assurdo il frutto di una cultura imprenditoriale, più che l'obbiettivo di un'azione criminale. E, quindi, si rende davvero necessaria e non più procrastinabile una task force, che si attivi per l'immediata individuazione di tali diffuse ed evidenti realtà imprenditoriali illecite, non solo a tutela dei diritti dei loro lavoratori, ma anche a tutela di tutti gli altri dipendenti degli altri esercizi commerciali, che purtroppo subiscono tutti i giorni indirettamente gli effetti negativi di un'imprenditorialità senza scrupoli e senza regole. Infatti non è un mistero che tanti grossisti della zona sono stati costretti a cessare ogni attività, licenziando tutti i loro dipendenti, proprio perché schiacciati dalla concorrenza sleale di chi con comportamenti illeciti riesce a minimizzare il costo del lavoro dipendente. Ed il depauperamento del tessuto economico è sotto gli occhi di tutti. Confidiamo, pertanto, in un immediato intervento, non solo dell'Ispettorato del Lavoro, ma anche dei rappresentanti politici ed amministrativi destinatari della presente, alla cui nota sensibilità, morale e giuridica, non sfuggirà di certo la gravità della situazione».
  • Lavoro
Altri contenuti a tema
Primo Maggio a Modugno, festa dei lavoratori o del lavoro che non c'é? Primo Maggio a Modugno, festa dei lavoratori o del lavoro che non c'é? Incontro online organizzato dal candidato sindaco Cramarossa su un tema d'attualità specialmente ai tempi del Coronavirus
Sirti licenzia oltre 700 dipendenti, sciopero anche a Modugno Sirti licenzia oltre 700 dipendenti, sciopero anche a Modugno I sindacati: «Indispensabile aprire la discussione al Mise. Non è per noi sostenibile scaricare un ulteriore costo sulle spalle dei lavoratori»
Morire di lavoro. Ne vale la pena? Morire di lavoro. Ne vale la pena? A cura dell'esperto Mario Celestino ("Il Lavoro Sicuro")
Lavoratori sfruttati da Maxi China a Modugno, arrivano Le Iene Lavoratori sfruttati da Maxi China a Modugno, arrivano Le Iene Stando al racconto di una ragazza avrebbero lavorato 9 ore al giorno per 600 euro al mese, anche in notturna
Giulio Saitti illustra a Molfetta il piano anti crisi Network Contacts Giulio Saitti illustra a Molfetta il piano anti crisi Network Contacts Il top manager interrompe il proprio silenzio in queste giornate di trattative con i sindacati
Olisistem, Damascelli: "Un’intera azienda potrebbe essere cancellata dalla zona industriale di Modugno" Olisistem, Damascelli: "Un’intera azienda potrebbe essere cancellata dalla zona industriale di Modugno" Il consigliere regionale ha presentato una interrogazione chiedendo alla Regione Puglia di intervenire
Kuehne&Nagel a Modugno, garantita la continuità occupazionale Kuehne&Nagel a Modugno, garantita la continuità occupazionale La soddisfazione dei sindacati: «Il risultato ottenuto non era per nulla scontato»
Giornata di reclutamento per Maldarizzi Automotive a Porta Futuro Giornata di reclutamento per Maldarizzi Automotive a Porta Futuro Si scelgono hostess e steward per lo stand in Fiera del Levante
© 2001-2020 ModugnoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
ModugnoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.