Carabinieri
Carabinieri
Cronaca

Perdono alla slot e minacciano di morte il gestore del locale, sei arresti a Modugno

I fatti avvenuti lo scorso 31 marzo, sono accusati anche di estorsione per aver sotto minaccia fattosi consegnare 3 mila euro

Dopo aver trascorso la serata del 31 marzo all'interno di una sala scommesse di Modugno ed aver consumato bevande e giocato alle "slot machines", perdendo una cospicua cifra di denaro, avevano minacciato il gestore ed il proprietario dell'esercizio commerciale e con violenza, sotto la minaccia di morte, si erano fatti consegnare la somma di 3 mila euro, frutto dell'incasso giornaliero, allontanandosi poi dal locale.

Per questo motivo i Carabinieri del comando provinciale di Bari questa mattina hanno eseguito 6 ordinanze di custodia cautelare (4 in carcere e 2 ai domiciliari) emesse dal GIP del Tribunale di Bari nella persona della Dottoressa Maria Teresa Romita, su richiesta del PM dott. Marcello Barbanente, nei confronti di P.N. 35enne, I.A. 41enne, L.G., 39enne, M.M.32enne, C.G., 35enne e B.G., 39enne, ritenuti responsabili di aver preso parte alla rapina.

I reati contestati sono quelli di rapina ed estorsione in concorso. Numerosi i riscontri forniti all' Autorità Giudiziaria comprovati da immagini acquisite dal circuito di videosorveglianza interno della sala scommesse. Alle risultanze investigative fin qui riportate, venivano aggiunte le dichiarazioni rese dalle vittime che hanno collaborato alle indagini e che hanno permesso di ricostruire l'aggressione contribuendo a fornire gli elementi per individuare le responsabilità di ciascuno dei sei indagati, fornendo ulteriori particolari su quanto già svelato dalle indagini.

Concordando con la tesi investigativa fornita dai militari della Compagnia di Modugno, che hanno condotto le indagini, il GIP del Tribunale di Bari ha emesso 6 provvedimenti (nei confronti dei primi quattro prevedendo la custodia cautelare in carcere, per gli ultimi due gli arresti domiciliari) che sono stati subito eseguiti dai militari operanti, in un'operazione nella quale sono stati impiegati circa 40 Carabinieri.
Social Video1 minutoGli arresti a Modugno
  • carabinieri
Altri contenuti a tema
Spaccio di droga, due uomini nei guai grazie alle unità cinofile di Modugno Spaccio di droga, due uomini nei guai grazie alle unità cinofile di Modugno Il supporto dei cani della locale tenenza ha permesso di arrestare un 28enne e un 40enne nel brindisino
Tentano di rapire due bambini a Triggiano, ma la denuncia viene fatta via social Tentano di rapire due bambini a Triggiano, ma la denuncia viene fatta via social I carabinieri sono stati informati dopo che il tam tam tramite whatsapp e Facebook aveva già messo in allarme molte mamme
Arresti a Modugno, Lattanzio (M5S): «Educazione all'antimafia sociale parta dai minori» Arresti a Modugno, Lattanzio (M5S): «Educazione all'antimafia sociale parta dai minori» Il deputato pentastellato da sempre impegnato nel settore dice la sua su quanto accaduto ieri in città
Tre dosi di erba nelle tasche e 40 grammi a casa, nei guai un 20enne Tre dosi di erba nelle tasche e 40 grammi a casa, nei guai un 20enne Il ragazzo si trovava in un circolo ricreativo
Presa la banda dei bancomat 'esplosivi' Presa la banda dei bancomat 'esplosivi' Coinvolti nella maxi operazione i carabinieri di diverse città tra cui Fano, Pesaro, Bari, Foggia e Milano. La base in una masseria
Arrestato a Modugno pericoloso latitante Arrestato a Modugno pericoloso latitante L'uomo era ricercato da 4 anni
Tre persone ai domiciliari: stavano smontando un furgone rubato a Modugno Tre persone ai domiciliari: stavano smontando un furgone rubato a Modugno In azione i Carabinieri di Cerignola
Trovate armi in un casolare, arrestato incensurato Trovate armi in un casolare, arrestato incensurato Trovata anche della droga
© 2001-2019 ModugnoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
ModugnoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.