I rifiuti al San Paolo
I rifiuti al San Paolo
Cronaca

Modugno, sequestro preventivo alla Recuperi Pugliesi

L'azienda a fronte di un limite di 6mila tonnellate ne stoccava 26mila

È continua l'azione di controllo dei Carabinieri del Comando per la Tutela Ambientale e la Transizione Ecologica per contrastare il fenomeno delle violazioni in materia ambientale presso i principali stabilimenti industriali operanti nella provincia di Bari.

A Modugno, nell'ambito di una mirata attività d'indagine coordinata dalla Procura della Repubblica, i Carabinieri del N.O.E. di Bari hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo nei confronti della società Recuperi Pugliesi s.r.l., azienda che si occupa del recupero rifiuti pericolosi e non pericolosi. La misura cautelare è scaturita a seguito di indagini tese a reprimere fenomeni di illecita gestione dei rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata dei comuni dell'area metropolitana barese e dello stesso capoluogo.

Nel corso delle attività ispettive condotte dal N.O.E. di Bari, su delega della locale Procura, a partire dal mese di febbraio 2021, è emerso che l'azienda, che si estende su una superficie di ca. 46.000 mq e che occupa ca. nr. 160 maestranze, a fronte di un limite di stoccaggio pari a ca. 6.000 tonn. di rifiuti, aveva realizzato un deposito di rifiuti, disseminati lungo l'intera area aziendale pari a ca. 26.000 tonnellate, costituiti essenzialmente da sovvalli provenienti dalla raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani.

Il provvedimento cautelare si è reso necessario, come evidenziato dai Carabinieri nel verbale di ispezione dei luoghi e ripreso dal GIP nel contesto del decreto di sequestro preventivo, in quanto "in caso di eventuale incendio, la combustione di una tale mole di rifiuti sprigionerebbe nell'aria una quantità di diossina tale da mettere in serio pericolo la popolazione dell'intero circondario e non solo".

Gestione illecita di rifiuti, deposito incontrollato e inosservanza delle prescrizioni previste dall'atto autorizzativo – art. 256 co. 2 e 4 del Testo Unico Ambientale – sono i reati contestati al legale rappresentante della società.
  • rifiuti
  • sequestro
Altri contenuti a tema
Venerdì riapre anche al mattino il centro conunale di raccolta, ecco gli orari Venerdì riapre anche al mattino il centro conunale di raccolta, ecco gli orari Taglio del nastro di rito alla presenza del sindaco di Modugno Nicola Bonasia
"Cicca Challenge" a Modugno, grande successo per il primo appuntamento "Cicca Challenge" a Modugno, grande successo per il primo appuntamento Il sindaco: "I grandi risultati si ottengono dalla somma di tante piccole azioni"
Centro comunale di raccolta, inaugurazione l'1 luglio Centro comunale di raccolta, inaugurazione l'1 luglio Ecco gli orari di conferimento
Rifiuti e deiezioni canine per le strade di Modugno, "sporcaccioni" incastrati dalle telecamere Rifiuti e deiezioni canine per le strade di Modugno, "sporcaccioni" incastrati dalle telecamere Bonasia: «In attesa dei nuovi dispositivi, ruoteremo quelli mobili per coprire ancora più zone della città»
Rifiuti nelle campagne a Modugno: "Stupro continuo che sembra non conoscere sosta" Rifiuti nelle campagne a Modugno: "Stupro continuo che sembra non conoscere sosta" Domenica di pulizia per il Gruppo di Lavoro per la prevenzione dei Fenomeni a danno dell’Ambiente e della Salute Pubblica di Gens Nova
Produrre biometano da rifiuti organici, la nuova vita di Tersan a Modugno Produrre biometano da rifiuti organici, la nuova vita di Tersan a Modugno Si tratta del primo impianto del genere in Puglia, ieri l'inaugurazione alla presenza delle autorità del territorio
Raccolta rifiuti, chiuso per ristrutturazione il Centro Comunale Raccolta rifiuti, chiuso per ristrutturazione il Centro Comunale Una postazione ecologica itinerante a sostituzione verrà allestita al parco San Pio
Smaltivano rifiuti stradali in fondi agricoli: 2 arresti, 50 denunce e il sequestro di un impianto a Modugno Smaltivano rifiuti stradali in fondi agricoli: 2 arresti, 50 denunce e il sequestro di un impianto a Modugno L’attività di traffico illecito di rifiuti speciali avrebbe interessato le province di Foggia, Bat, Bari e Brindisi
© 2001-2022 ModugnoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
ModugnoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.