IMG WA
IMG WA
Vita di città

Magrone prova a scuotere la coscienza di Catalano che non si dimette dalla carica di consigliere

'Auspicabile.un gesto di coraggio'

In questi giorni Modugno Viva ha trattato la questione del rientro del consigliere di maggioranza di Francesco Catalano, sospeso con un provvedimento della procura, per via di un presunto caso di prostituzione minorile. Con il Consiglio Comunale di oggi Catalano ritorna in consiglio, essendo cessate le cause di sospensione dalla carica, spostandosi nel gruppo misto. A prendere la parola il sindaco Nicola Magrone che ha esposto la posizione della maggioranza iniziando con un excursus della vicenda. "Il problema è che c'è un procedimento penale nel quale Francesco Catalano risulta imputato e non più indagato – spiega il sindaco - Abbiamo provveduto a sospendere il Consigliere sempre dopo le determinazioni del Prefetto. Per quanto riguarda il dopo è intervenuta un'altra presa d'atto del giudice che abbiamo rinviato al prefetto il quale, non molto sicuro questa volta, ha interpellato in Ministero che ha sentenziato la reintegra. Questa la vicenda, ma è importante dire anche cosa ne deriva". Detto questo il Sindaco entra nel merito dell'opinione della maggioranza che, pur applicando la legge, non l'ha fatto di sua volontà. "Noi non siamo molto convinti di questa soluzione - afferma - abbiamo delle perplessità non imponibili al problema procedurale. La figura di un consigliere non è uguale alla figura di un cittadino qualunque, deve anche dare conto all'opinione pubblica. Noi non sappiamo come andranno le cosa ma c'è un problema di ragioni della comunità che hanno il diritto di essere rappresentati da persone al di fuori di ogni sospetto". Infine la richiesta di dimissioni volontarie da parte del consigliere. "A questo punto facciamo un appello serio, senza polemiche, da parte di tutta la maggioranza – conclude - affinché si dimetta, perché questo sarebbe un gesto e un contributo al rasserenamento dell'opinione pubblica e della cittadinanza. Dal punto di vista legale deve rientrare, ma non può far finta di non sapere che il suo ritorno crea un disagio. Ritengo che sia un gesto di coraggio quello di lasciarci liberi di ogni condizionamento e mi aspetto che il consigliere Francesco faccia questa dichiarazione che non è una dichiarazione di colpevolezza, ma un risolvere la situazione di disagio. Lo facciamo perchè vogliamo che Catalano torni alle sue funzioni nella sua interezza e non sfregiato da questo processo che è in corso da parecchio. Il nostro è un invito leale, corretto ed esplicito che facciamo anche al cospetto del consigliere ma, comunque, le ragioni della comunità devono prevalere su quelle del singolo. Sarebbe un gesto inedito in una giungla dove non si dimette nessuno e auspichiamo che Francesco possa dirci "io sono innocente ma mi ritiro e ci rivedremo qui".
  • consiglio comunale
  • modugno
Altri contenuti a tema
Palazzo Santa Croce, il look che piace Palazzo Santa Croce, il look che piace Dopo il restauro la presentazione sabato
Ex Om, la vertenza al Ministero. I 5S: 'Segnale importante' Ex Om, la vertenza al Ministero. I 5S: 'Segnale importante' Attorno ad un tavolo Regione, Città Metropolitana e sindacati
Puglia Popolare : nasce il coordinamento cittadino Puglia Popolare : nasce il coordinamento cittadino A farne parte Patrizio De Sio, Fabrizio Colavecchio Stefano Romita, Daniela Delli Santi e il consigliere di minoranza Simona Vitucci.
Lo show della Fiera del Crocifisso nel centro storico Lo show della Fiera del Crocifisso nel centro storico Intervista all'assessore alla Cultura Francesca Di Ciaula
Commercio e artigianato: che ne sarà? Commercio e artigianato: che ne sarà? Un incontro con Rinascita modugnese
Al mercato coperto grandi pulizie. Resta però il problema dell'igiene Al mercato coperto grandi pulizie. Resta però il problema dell'igiene Sistemazione delle guaine, tombini e rete speciale anticolombi
4 Novembre, celebrazioni anche da noi 4 Novembre, celebrazioni anche da noi Corteo e deposizione di una corona per non dimenticare
Signorile&Signorile: quando la musica è nel sangue Signorile&Signorile: quando la musica è nel sangue Debutto di Roberta figlia del maestro Fabrizio
© 2001-2018 ModugnoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
ModugnoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.